• Marchi di fatto

4 giugno 2019

Trasferimento della concessione per lo sfruttamento di un’acqua minerale: lesione del diritto all'uso esclusivo del marchio

Per individuare l’"avente causa" del precedente titolare della concessione mineraria di un’acqua minerale, nell’ambito di un’azione di nullità di marchio, la Corte di Cassazione non ha ritenuto condivisibile la tesi secondo cui per "avente causa" dal titolare dei diritti anteriori debba intendersi solo colui che è diventato tale in forza di un atto privato di trasferimento inter vivos o mortis causa, atteso che, perfino in presenza di un atto di tal genere, l'atto privatistico di disposizione deve essere preceduto, in ogni caso, da un preventivo atto di autorizzazione della Regione, che ne costituisce un prerequisito essenziale e ne condiziona l'efficacia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Se già disponi di un accesso valido clicca qui per autenticarti.
In caso contrario è possibile contattare i numeri 06.56.56.7212 o 392.993.6698, inviare una richiesta al servizio clienti o consultare le formule di abbonamento.