Angolo del professionista

L'angolo del professionistaQuesto spazio è a disposizione degli utenti del portale che vogliano pubblicare un testo, un commento o un articolo firmato in materia di PI.

Condizioni di utilizzo:
- il testo rimane di proprietà dell'autore e sarà pubblicato all'interno di SPRINT - Sistema Proprietà Intellettuale, dopo un esame da parte della redazione.
- Il testo non deve contenere forme di pubblicità più o meno manifesta di servizi, prodotti o attività a fine di lucro. L'auto promozione è data dalla possibilità di inserire in calce i propri riferimenti.
- nel caso in cui l'autore commenti una sentenza o comunque esprima un'opinione su un argomento che lo vede in qualche modo coinvolto, o come parte in causa o in veste professionale, è necessario riferirlo con una nota di trasparenza in calce al testo.
- L'autore solleva la Redazione e l'Editore da ogni responsabilità derivante dalla pubblicazione del testo.

E' possibile inviare i testi contattando la redazione.

 


  • Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

Le royalties versate dalla licenziataria importatrice delle merci partecipano all'importo delle tasse doganali nella misura in cui la licenziante ha potere di controllare la licenziataria

17 aprile 2018

di Annalisa Spedicato Anche i diritti di licenza sono destinati ad incidere sulla determinazione del valore doganale qualora i corrispondenti beni immateriali siano incorporati nella merce, esprimendone così o contribuendo ad esprimerne il valore economico, se dalle condizioni di vendita emerge che la licenziante ha il potere di controllare la licenziataria.
  • Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

Sorveglianza doganale: abuso di diritto o diritto costituzionale?

13 aprile 2018

di Manuela Ferrario e Carlotta Trascinelli  Contraffazione. Quante volte ne abbiamo sentito parlare e quante volte abbiamo pensato che non ci riguardi. Tante, troppe. Questo fenomeno impatta su tutti i settori e ha una portata globale sia dal punto di vista economico sia sociale. Tutelare i propri diritti si può facendo affidamento, tra le varie opzioni, anche sulle sorveglianze doganali: un vero e proprio filtro volto a bloccare la merce contraffatta.
  • Know how aziendale e segreti commerciali

L'Italia pronta ad attuare la direttiva UE sui segreti commerciali, ma non tutti i nodi sono stati sciolti

12 aprile 2018

di Cesare Galli Il Governo italiano ha presentato al Parlamento la bozza di decreto legislativo per l'attuazione della Direttiva europea n. UE 2016/943 sui segreti commerciali, come previsto dall'art. 15 della Legge n. 163/2017 (Legge di delegazione europea 2016-2017). Il termine per l'attuazione della Direttiva scade il prossimo 9 giugno e dunque il rispetto di esso sembra ancora possibile, anche se ovviamente molto dipenderà dagli sviluppi della situazione politica, considerato che l'adozione del Decreto legislativo da parte del Governo dovrà essere preceduta dall'acquisizione dei pareri delle Commissioni parlamentari competenti.
  • Marchi registrati

Quando, apponendo il marchio sul prodotto, va versata l’imposta sulla pubblicità?

6 aprile 2018

di Annalisa Spedicato La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di una Spa che si doleva del fatto che la CTR della Toscana, riformando la decisione della CTP senese, avesse dato valenza pubblicitaria alla targa apposta sul braccio di una gru, recante i segni distintivi dell’impresa, in quanto tale targa era “obbiettivamente idonea a far conoscere  ad una massa indeterminata di possibili acquirenti ed utenti il nome, l’attività ed il prodotto di un’impresa”, ed assumendo rilevanza a tal proposito sia la “dimensione” del mezzo di comunicazione, che la sua “ubicazione”.
  • Disegni e modelli

Come tutelare il design del prodotto in Cina: il caso Lego

30 marzo 2018

di Anna Surace Tutelare il design del prodotto è essenziale per garantire il successo delle aziende. Ancor di più lo diventa per le aziende europee che operano in mercati complessi e caratterizzati da una forte propensione all’imitazione dei prodotti occidentali quale, ad esempio, quello cinese. Sia pur con le dovute differenze rispetto al sistema europeo, anche la Cina prevede un sistema variegato di tutela di tali opere, che coinvolge non solo i brevetti di design ma anche il diritto d’autore (copyright).
  • Marchi registrati

Stereotipo (forse) sì, marchio no: è nullo il marchio "La Mafia se sienta a la mesa"

16 marzo 2018

di Ilaria Gargiulo Il marchio "La Mafia se sienta a la mesa" richiama direttamente l’organizzazione criminale, ne trasmette un’immagine complessivamente positiva e banalizza la gravità dell’attività criminale che viola i valori del rispetto della dignità umana e della libertà sui quali si basa l’Unione Europea: in questo senso si è espresso il Tribunale dell’Unione Europea con sentenza del 15 marzo 2018, dichiarando nullo - in quanto contrario all’ordine pubblico - il marchio di una società spagnola che ne aveva chiesto la registrazione per servizi di ristorazione.
  • Diritti d'autore - Opere delle arti figurative e dell'architettura

5Pointz. Storia di un risarcimento milionario

5 marzo 2018

di Raffaella Pellegrino Con sentenza del 12 febbraio 2018 la Corte distrettuale di New York (giudice Frederic Block) ha condannato Gerald Wolkoff e quattro società immobiliari a risarcire la somma complessiva di 6,75 milioni di dollari per aver cancellato e distrutto 45 opere di 21 artisti realizzate a 5Pointz, senza seguire le norme e le procedure stabilite dal Visual Artists Rights Act del 1990 (Vara).
  • Diritti d'autore - Opere delle arti figurative e dell'architettura

Plagio di opere d’arte: la Cassazione fa il punto (grazie a Emilio Vedova)

23 febbraio 2018

di Gilberto Cavagna La recente pronuncia emessa dalla Corte di Cassazione (sez. I civ, sentenza n. 2039 del 26 gennaio 2018), al termine della causa promossa dalla Fondazione Emilio e Annabianca Vedova contro un pittore che aveva riprodotto i quadri del noto artista veneziano e la galleria che li promuoveva, è stata l’occasione di puntualizzare i principi, ormai consolidati, che devono guidare il giudizio di fatto di comparazione tra le opere in caso di plagio, previsto dall’art. 171 della legge 22 aprile 1941 n. 633 (“Legge autore”).
  • Marchi di fatto

I marchi non registrati godono della medesima tutela giurisdizionale dei marchi registrati

16 febbraio 2018

di Annalisa Spedicato Anche le questioni sul marchio di fatto ricadono nell’ambito della competenza delle sezioni specializzate in materia d’impresa. Questo è quanto confermato dalla Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 3399 pubblicata il 12 febbraio scorso, ha respinto un ricorso avverso la sentenza del Tribunale dell’Aquila che aveva dichiarato la propria incompetenza in favore delle sezioni specializzate in materia d’impresa, in quanto l’azione era stata promossa per ottenere la condanna dei convenuti al risarcimento e all’inibitoria per illegittimo uso di un marchio di fatto.
  • Diritti d'autore - Disegno industriale

Design industriale: non conta il particolare ma la visione d'insieme

15 febbraio 2018

di Alessandro La Rosa In ambito di design industriale, “l’indagine sull’interferenza deve essere condotta non compiendo un confronto dei singoli particolari, ma alla luce della visione d’insieme, avendo riguardo a tutti gli elementi essenziali dell’opera”.
  • Marchi registrati

Continua la saga dei cuscini-biscotto: Barilla vince ancora

13 febbraio 2018

di Simona Franco Con sentenza, pubblicata il 25 gennaio 2018, il Tribunale di Milano è tornato a pronunciarsi sui marchi e sulle forme dei biscotti Barilla. La questione era stata già stata oggetto di precedenti pronunce del Tribunale, emesse in sede cautelare e di reclamo, tutte favorevoli a Barilla.
  • Diritti d'autore e diritti connessi - Aspetti generali

Beni comuni … ma senza scopo di lucro

31 gennaio 2018

di Raffaella Pellegrino La riproduzione di beni culturali per fini commerciali è stata oggetto di due recenti provvedimenti dei giudici nazionali, che hanno affermato la necessità della preventiva autorizzazione dell’amministrazione competente e del pagamento di un canone.
  • Brevetti per invenzione

Risarcimento danni: calcolo con la "reasonable royalty"

25 gennaio 2018

di Valentina Gazzarri Solitamente, l’autorità adita per giudicare della sussistenza della contraffazione di un brevetto, si pronuncerà, nello stesso procedimento, anche sul correlato risarcimento dei danni, che verrà determinato in via equitativa, ove non sia possibile identificarne l’ammontare con rigorosa esattezza.
  • Indicazioni geografiche e denominazioni di origine

Con lo Champagne il sorbetto è più buono: ancora in merito alla Corte Europea di Giustizia, che autorizza l’uso della DOP Champagne

24 gennaio 2018

di Duilio Cortassa Con la sentenza dello scorso 20 dicembre, nella causa C-393/16, promossa dal Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne a tutela della DOP “Champagne” contro la catena tedesca Aldi Süd Dienstleistungs-GmbH & Co. OHG, che aveva messo in vendita un gelato a base di Champagne definito “Champagner Sorbet”, la Corte mette un punto fermo in merito all’etichettatura dei prodotti alimentari che utilizzano come ingredienti prodotti a denominazione di origine protetta (DOP) e rallenta, per la prima volta, la battaglia del Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne per un divieto assoluto all’uso della DOP per qualsiasi prodotto che non sia un vino a DOP “Champagne”.
  • Marchi registrati

La partita della contraffazione in Cina si può vincere

22 gennaio 2018

di Paola Stefanelli E lo dimostra una recente decisione dell’Ufficio Marchi cinese in favore dell’Officina Profumo farmaceutica di Santa Maria Novella SpA, salita agli onori della cronaca (vedasi articoli pubblicati su Il Sole 24Ore e La Nazione), per aver vinto, assistita da Bugnion, la sua partita contro un contraffattore cinese, contro ogni pronostico.
  • Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

La promozione del marchio tramite influencer e blogger: meglio della spada laser di star wars!

15 gennaio 2018

di Valentina Gazzarri e Elisabetta Guolo Qual è oggi l’innovativo e potentissimo mezzo di tendenza attraverso cui conquistare nuove fette di mercato con i propri marchi? Naturalmente l’esercito degli influencer e dei blogger! In un commercio caratterizzato ormai da una globale omogeneità qualitativa dei prodotti, in cui i potenziali di differenziazione funzionale dell’offerta sono appiattiti, il ruolo delle componenti simboliche risulta di gran lunga accresciuto. In questa nuova realtà, pertanto, il marchio, non svolge più soltanto la funzione di indicare l’origine imprenditoriale di un prodotto o un servizio, ma è portatore di determinati valori che se percepiti correttamente dal consumatore, fanno del segno un mezzo di attrazione inestimabile.
  • Diritti d'autore - Opere musicali e opere composte con la musica

I diritti di “sincronizzazione” di opere musicali: la decisione della Corte di Cassazione

10 gennaio 2018

di Alessandro La Rosa Il contratto con il quale la SIAE, con mandato di gestione esclusiva ex art. 180 L. 633/41 (“LDA”), concede la «licenza» per l’utilizzazione delle opere musicali in favore di un’impresa radio-televisiva, non include l’utilizzazione di dette opere nell’ambito di uno sceneggiato televisivo (o fiction, sequel, soap opera) per il tramite della cd. tecnica di «sincronizzazione».
  • Marchi non convenzionali

Registrare correttamente un marchio di colore. I chiarimenti della CGUE su descrizione e rappresentazione grafica

21 dicembre 2017

di Annalisa Spedicato La Corte di Giustizia dell’Unione Europea (cause riunite T‑101/15 e T‑102/15) si è recentemente pronunciata su un caso di nullità relativa alla registrazione di due marchi di colore. In relazione a tale decisione, ha chiarito le modalità in cui un marchio di colore deve essere registrato per essere valido.
  • Commercio elettronico

La licenziataria di marchi famosi può vietare al distributore di vendere i propri beni su portali di terzi?

12 dicembre 2017

di Annalisa Spedicato Rispondendo ad una domanda di pronuncia pregiudiziale rivolta dall’Alta Corte regionale di Francoforte e relativa ad un caso (C-230/2016) che vedeva contrapporsi la filiale tedesca di una società americana, fornitrice di prodotti nel settore della profumeria e della cosmetica di lusso, licenziataria di molti marchi famosi, quali Balenciaga, Marc Jacobs, Miu Miu e un distributore autorizzato, che, in violazione di una clausola contrattuale, aveva commercializzato tali prodotti su note piattaforme di vendita online, la Corte di Giustizia Europea, con la sentenza del 6 dicembre scorso, ha dichiarato che, in base al Trattato sull’Unione Europea “Un fornitore di beni di lusso può vietare ai suoi distributori autorizzati di vendere tali beni su una piattaforma Internet di terzi senza rendersi riconoscibili agli occhi del pubblico”.
  • Diritti d'autore - Opere delle arti figurative e dell'architettura

Il David di Michelangelo è un’immagine da proteggere

7 dicembre 2017

di Laura Turini Il Tribunale di Firenze ha recentemente emesso un’ordinanza che apre finalmente il varco al riconoscimento concreto di tutti quei diritti che fino ad oggi sono stati più previsti sulla carta che rispettati sul mercato.
  • Marchi registrati

Sempre più marchi SLUAGH-GHAIRM

1 dicembre 2017

di Caterina Caizzone Oggi tutti noi consumatori siamo allenati a linguaggi differenti sempre più “fast”, più claim, più pay off, più jingle, più slogan e bastano due, tre parole per riconoscere che si tratta di un segno distintivo collegato ad una determinata azienda. Il marchio quindi oltra ad essere parola, disegno, lettera, cifra, forma di un prodotto, colore, suono è anche slogan…purché atto a distinguere agli occhi di un consumatore i prodotti ed i servizi di un ‘impresa sul mercato.
  • Diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

30 novembre 2017

di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” - società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che la videoregistrazione in cloud non può considerarsi lecita se effettuata tramite l’intervento “attivo” di terzi.