• Marchi registrati

12 agosto 2016

Secondo la Cassazione la prova dell'avvenuta formale registrazione dei marchi di cui si lamenta la contraffazione è a carico dell’accusa

La condizione di punibilità costituita dalla prova del rispetto delle norme interne, comunitarie ed internazionali a tutela della proprietà industriale ovvero del marchio o del logo, e dunque la necessità ai fini della configurabilità del reato che prima della sua consumazione il titolo di privativa sia stato effettivamente conseguito, è divenuto - a seguito delle modifiche recate agli artt. 473 e 474 cod. pen. dalla L. n. 99 del 2009 - elemento strutturale delle fattispecie, la cui prova è a carico dell'accusa

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Se già disponi di un accesso valido clicca qui per autenticarti.
In caso contrario è possibile contattare i numeri 06.71.28.0054 o 392.993.6698, inviare una richiesta al servizio clienti o consultare le formule di abbonamento.