• Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

20 luglio 2015

Il segreto bancario non può limitare in maniera incondizionata un’efficace applicazione dei diritti di proprietà intellettuale: la pronuncia della Corte di Giustizia

Secondo la Corte di Giustizia UE (sentenza  16 luglio 2015, causa C-580/13), il diritto dell’Unione Europea non consente al legislatore di uno Stato membro di introdurre una disposizione nazionale ai sensi della quale, nel caso di violazione di un diritto di proprietà intellettuale, un istituto bancario possa opporre, in maniera illimitata ed incondizionata, il segreto bancario per rifiutarsi di fornire informazioni relative al nome e all’indirizzo del titolare di un conto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Se già disponi di un accesso valido clicca qui per autenticarti.
In caso contrario è possibile contattare i numeri 06.71.28.0054 o 392.993.6698, inviare una richiesta al servizio clienti o consultare le formule di abbonamento.