• Diritti d'autore - Opere letterarie

28 ottobre 2016

Illecito usurpativo smascherato dai refusi presenti nel testo della traduzione

Alla traduzione, in quanto opera derivata autonoma, è riconosciuta la tutela autorale con attribuzione al suo autore del diritto esclusivo morale e di utilizzazione economica dell'opera. L’usurpazione del lavoro altrui risulta, nel caso di traduzioni a confronto, dalla sovrapposizione testuale e dalla riproduzione dei medesimi refusi ed errori nei testi.  Ai fini dell’integrazione del reato non rileva il fatto che il testo usurpato, in realtà, non sia mai stato pubblicato.

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Se già disponi di un accesso valido clicca qui per autenticarti.
In caso contrario è possibile contattare i numeri 06.71.28.0054 o 392.993.6698, inviare una richiesta al servizio clienti o consultare le formule di abbonamento.