Angolo del professionista

L'angolo del professionistaQuesto spazio è a disposizione degli utenti del portale che vogliano pubblicare un testo, un commento o un articolo firmato in materia di PI.

Condizioni di utilizzo:
- il testo rimane di proprietà dell'autore e sarà pubblicato all'interno di SPRINT - Sistema Proprietà Intellettuale, dopo un esame da parte della redazione.
- Il testo non deve contenere forme di pubblicità più o meno manifesta di servizi, prodotti o attività a fine di lucro. L'auto promozione è data dalla possibilità di inserire in calce i propri riferimenti.
- nel caso in cui l'autore commenti una sentenza o comunque esprima un'opinione su un argomento che lo vede in qualche modo coinvolto, o come parte in causa o in veste professionale, è necessario riferirlo con una nota di trasparenza in calce al testo.
- L'autore solleva la Redazione e l'Editore da ogni responsabilità derivante dalla pubblicazione del testo.

E' possibile inviare i testi contattando la redazione.

 


  • Gestione collettiva dei diritti d'autore e connessi

Analisi della direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e del suo recepimento in Italia

14 giugno 2016

In data 26 febbraio 2014, il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea hanno emesso una direttiva sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi, nonché, sulla concessione di licenze multi-territoriali per i diritti su opere musicali per l’uso online nel mercato interno (di seguito, per brevità, la “Direttiva”).
  • Diritti d'autore - Opere cinematografiche, audiovisive e radiodiffuse

Un centro di riabilitazione è tenuto a corrispondere i diritti d’autore per la diffusione di programmi TV nei propri locali?

13 giugno 2016

La CGUE è stata recentemente chiamata a pronunciarsi su un caso – C-117/15, sentenza del 31 maggio 2016 – molto interessante relativo al concetto di “comunicazione al pubblico” di opere tutelate dal diritto d’autore, concetto definito all’art. 8 par. 2 della direttiva n. 2006/115/CE e art. 3 par. 1 direttiva n. 2001/29/CE, in merito al pagamento dei canoni per lo sfruttamento dei diritti degli autori e diritti connessi, in favore della società collettiva tedesca (GEMA, si tratterebbe dell’omonima SIAE in Germania) che gestisce i diritti nel settore musicale per conto di autori, interpreti, esecutori, musicisti, compositori, parolieri.
  • Diritti d'autore e diritti connessi - Aspetti generali

Che cos’è il copyright 2.0 e perché ci riguarda da vicino

30 maggio 2016

Tutti noi pubblichiamo ogni giorno opere e rappresentazioni che non ci appartengono. Postare la versione digitale di un quadro o di un manifesto, scattare una foto al museo, scambiarci del software, remixare una canzone, usarla come sottofondo di un video, sono azioni che non sono permesse dalla legge, almeno in teoria. Eppure lo facciamo.
  • Diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica

L’attività dell’Agcom a tutela del diritto d’autore. Diffusi i dati aggiornati sulle istanze pervenute e i provvedimenti adottati

29 maggio 2016

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha diffuso sul proprio sito internet un prospetto riassuntivo, aggiornato al 20 maggio 2016, con i dati relativi alle istanze pervenute e i provvedimenti adottati ai sensi del “Regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica
  • Diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica

Linkare contenuti protetti illegittimamente pubblicati: il sottile confine tra libertà d’informazione e violazione del diritto d’autore

24 maggio 2016

Lo sviluppo di Internet e la sua accessibilità, in termini di costi e copertura, ad un pubblico sempre maggiore ha contribuito a rendere oggi fruibili prodotti autoriali in formato digitale in modo estremamente semplice e veloce. Il fenomeno dello sharing è una diretta conseguenza di tale sviluppo, la cui crescita è stata agevolata dal proliferare sia di piattaforme o “spazi” di condivisione di contenuti digitali sia di strumenti che permettessero e facilitassero tale condivisione.
  • Diritti d'autore - Opere delle arti figurative e dell'architettura

Tutela d’autore delle installazioni artistiche

23 maggio 2016

Con una recente sentenza il Tribunale di Milano (sent. 9 febbraio 2016) ha riconosciuto la tutela di diritto d’autore a un’installazione artistica di carattere creativo. L’installazione, ideata nel 2007 da Gianluigi Ruju e Giuseppe Iacovili nell’ambito del progetto Puzzle4Peace, consisteva in una combinazione di lampade tridimensionali a forma di puzzle incastrate le une alle altre fino a formare una grande parete di colore bianco con l’inserto di uno o più tessere rosse che si illuminavano, creando particolari effetti luminosi.
  • Marchi registrati

“Solaia” è un marchio forte ma non rinomato: un recente caso di contraffazione nel settore vinicolo

16 maggio 2016

Con sentenza del 26 aprile 2016, il Tribunale di Firenze ha riconosciuto la contraffazione del marchio “Solaia” della Marchesi Antinori S.r.l. (di seguito la “Antinori”) - ad opera di una società attiva anch’essa nel settore vinicolo (con il marchio “Solaio”) oltre che nella ricezione agrituristica - ma non in quanto marchio notorio.
  • Diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica

Per l’AG della Corte di Giustizia “linkare” materiale protetto senza l’autorizzazione del titolare non è violazione del copyright

5 maggio 2016

Il 7 aprile scorso l’avvocato generale della Corte di giustizia dell’Unione Europea Melchior Wathelet (“AG”) ha pubblicato le proprie conclusioni nella causa C-160/15 (GS Media BV) nell’ambito della quale la Corte Suprema olandese ha rivolto alla Corte europea una serie di domande di pronuncia pregiudiziale relative alla nozione di comunicazione al pubblico di cui alla direttiva 2001/29/CE sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore nella società dell’informazione.
  • Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

Considerandos, marchi non-convenzionali e di forma, classificazioni nel nuovo regolamento Marchio UE

11 aprile 2016

Il 23 03.2016 è entrato in vigore il nuovo regolamento sul marchio dell’Unione Europea che modifica il regolamento sul marchio comunitario1. Il RMUE risponde ad una pluralità di esigenze pratiche evidenziate dalla prassi UAMI, oltre che alla necessità di adeguare il RMC alle evoluzioni tecnologiche e all’era di internet. Queste esigenze vengono esplicitate nei cons. del regolamento stesso.
  • Marchi registrati

Il Tribunale di Milano sancisce la nullità del marchio italiano “logo vacchetta”

7 aprile 2016

Nel corso dell’anno 2009 alcune associazioni di categoria francesi operanti nel settore del calzaturiero e della pelletteria in generale, instauravano presso il Tribunale di Milano, Sezione Impresa, una causa di merito volta ad ottenere la declaratoria di nullità e/o decadenza dei marchi di titolarità della associazione UNIC – Unione Nazionale Industria Conciaria (di seguito UNIC).
  • Nomi a dominio

Il cybersquatting ha le ore contate: il caso Moncler

1 aprile 2016

L’espressione anglosassone cybersquatting, così come la locuzione domain grabbing (da to grab=ghermire) e domain squatting, indica l’attività illegale di chi si appropria di nomi di dominio corrispondenti a marchi commerciali altrui o a nomi di personaggi famosi al fine di realizzare un lucro sul trasferimento del dominio a chi ne abbia interesse od un danno a chi non lo possa utilizzare.
  • Marchi registrati

Niente marchio comunitario «SPA WISDOM» per la catena The Body Shop

17 marzo 2016

Con decisione di ieri, 16 marzo 2016 (causa T-2011/14) Il Tribunale dell’Unione Europea nega alla catena The Body Shop il diritto di registrazione del marchio “SPA Wisdom” per prodotti cosmetici (classe 3) per la presenza di marchi anteriori registrati nel Benelux da parte di Spa Monopole, con sede a Spa (Belgio), fra i quali il marchio denominativo “SPA” e altri marchi includenti il termine «spa», che riguarda, fra gli altri prodotti,  acque minerali e gassate (classe 32).
  • Brevetti per invenzione

La guerra del broccolo accende il conflitto

14 marzo 2016

Il Parlamento Europeo non ha digerito la decisione con la quale l’Ufficio Europeo dei Brevetti ha statuito la brevettabilità di taluni ortaggi aventi speciali caratteristiche (nella specie, pomodori e broccoli), ottenuti con tecniche di riproduzione convenzionale.
  • Diritti di proprietà industriale - Aspetti generali

La comparazione tra prodotti concorrenti, tra le aspettative di informazione del pubblico e i limiti della leale concorrenza

19 febbraio 2016

Con sentenza n. 14685/2015 del 23.12.2015, il Tribunale di Milano Sezione Specializzata in materia di imprese si è pronunciato sui limiti entro i quali è possibile, per un imprenditore, presentare un proprio prodotto accostandolo e comparandolo con quello, già presente sul mercato, di un concorrente.
  • Brevetti per invenzione

Brevetti e moda: il Tribunale di Milano sulle tasche tridimensionali dei jeans Max Mara

10 febbraio 2016

Le tasche di un paio di jeans, che valorizzino le forme di chi li indossi, aumentandone il comfort e migliorandone l’estetica, possono essere oggetto di brevetto. È quanto emerge dalla recente sentenza del Tribunale di Milano (n. 472/2016, pubblicata il 14 gennaio 2016), davanti al quale la nota casa di moda Max Mara aveva convenuto in giudizio le società Gruppo Germani S.r.l. e la sua controllante, il Passatempo S.p.a.